Caccia alla finale

Le World Bridge Series di Wroclaw stanno entrando nel pieno della manifestazione, e sono ben cinque le gare che, ciascuna a un differente stadio di avanzamento, hanno impegnato i giocatori nelle sessioni odierne.

La Rosenblum Cup, la manifestazione a squadre dalla quale i giocatori italiani sono stati ormai estromessi, ha disputato oggi i quarti di finale: diamo un’occhiata alle quattro squadre vittoriose che domani si giocheranno l’ingresso nell’agognata finale.

Ventin ha fermato la corsa dei polacchi di ASZ Wratislavia, che aveva eliminato in successione due delle squadre che seguivamo. Incontro equlibratissimo con scarti minimi in tutti i tempi, e un risultato finale di +23 per la multinazionale formata da Ventin (Spagna) e Palma (Portogallo), da Pacareu (Cile) e Wrang (Svezia) e dai due giovani olandesi Mendes de Leon e Sprinkhuizen.

Con maggior scarto (+35) Robinson ha sconfitto Wolfson, prendendo nella seconda frazione un vantaggio che si è rivelato incolmabile. Squadra di vecchie volpi americane con innesto inglese, impossibile stupirsi che Berkowitz-Meckstroth, Zia-Gold (l’intruso inglese) e Robinson-Korbel siano arrivati fino qui.

Nickell ha dominato il suo quarto di finale, strapazzando i cinesi di Lucky Four con uno scarto finale superiore ai 100 MP. Forse è questa la squadra favorita, con le star USA Greco-Hampson e Levin-Weinstein, mentre lo sponsor Nickell gioca con Katz.

L’ultimo quarto ha riservato una (relativa) sorpresa: l’eliminazione, con lo stretto margine di 17 MP, dei campioni del mondo di Zimmermann ad opera di Team Black. L’incontro ha avuto un andamento drammatico, in particolare nell’ultimo turno. Zimmermann si è seduto con 44 MP di ritardo, ma a metà del turno si trovava in vantaggio di 5 grazie a un incredibile parziale di 50 a 1. Ma nelle ultime mani hanno segnato solo i loro avversari, ripristinando quindi il vantaggio.

Parlo di sorpresa relativa perché anche Team Black è una formazione anglo-svedese molto corazzata, con Hallberg-Hulk, Paske-McIntosh e Bertheau-Black. Li vedremo in semifinale contro Nickell, mentre Ventin incrocerà le carte con Robinson.

E veniamo all’Open Pairs: qui la caccia alla finale ha celebrato il primo atto delle due semifinali. Ricordiamo che (salvo modifiche) è previsto che circa 50 coppie entrino in finale dalla semifinale A, mentre soltanto 5 arriveranno dalla semifinale B. Domani si aggiungeranno alla semifinale A i giocatori che oggi sono stati eliminati nei quarti di finale, e nella notte scopriremo l’esatta composizione della finale.

Non è molto chiaro, lo capisco, e rende difficili non solo i pronostici ma anche i resoconti. Ieri avevamo dato per probabili eliminate coppie che invece nella semifinale A ci sono entrate, come Failla-De Michelis: la ragione è che il numero di coppie entrate dalla Rosenblum è stato inferiore al previsto (è impossibile prevederlo a priori perché è permesso cambiare compagno tra le due manifestazioni, per cui una coppia di eliminati potrebbe andare a occupare due posti nel torneo a coppie, oppure uno se rimangono insieme, o nessuno se decidono di non partecipare).

Dunque, si sono giocati i primi tre turni dei sei previsti. Abbiamo sei coppie in corsa nella semifinale A, molto bene stanno andando Di Franco e Manno che sono quarti, ed è ottimo anche il piazzamento di Franchi-Lanzarotti, 14esimi. Iavicoli-Caffi sono rimasti a lungo nelle prime posizioni, ma un cattivo terzo turno li ha fatti scivolare al 30esimo posto, comunque in piena zona qualificazione. Percorso inverso per Donati-Percario, attardati per tutta la prima fase di gara, ma scintillanti nell’ultima frazione con un recupero che li ha riportati alla 39esima piazza, anche loro dentro. Fuori per ora, ma non di molto, Failla-De Michelis e Golfarelli-Delle Cave: in questa zona di classifica si è tutti molto vicini e bastano un paio di top o di zeri per modificare radicalmente la propria posizione.

Nella semifinale B hanno fatto un primo giorno strepitoso Cammarata-Valsega, costantemente nelle prime posizioni e terzi alla fine. Bene anche Attanasio-Manara, trentesimi, De Falco con Patricia Cayne è trentunesimo, mentre molto indietro si trovano Baroni-Zaleski.

Fra le signore, la finale della manifestazione a squadre McConnell Cup vede in vantaggio la formazione Brody su Tri Polar: ma i primi tre turni di gioco non hanno ancora fornito un verdetto decisivo, e soltanto 14 MP separano le due contendenti.

Ha preso invece il via il torneo a Coppie Ladies con la prima giornata di qualificazione. Le coppie partecipanti sono trenta, e noi abbiamo in gara Monica Cuzzi e Vera Tagliaferri, che sono partite bene restando sempre nel gruppo di testa e hanno terminato ancora meglio risalendo fino al sesto posto, in ottima posizione quindi per giocarsi oggi la qualificazione.

The post Caccia alla finale first appeared on Bridge d’Italia Online.

Viale dei Gladiatori, 2 00135 Roma
Stadio Olimpico – Tribuna Tevere
Ingresso 30 – Stanza 217