Cerca
Close this search box.

Parere su intervento arbitrale

Quesito

Salve,
desidero segnalare una decisione arbitraria, a mio parere, “molto arbitraria”.
Si parla del board 2 del Torneo nazionale pro giovani del 29 maggio u.s.

4SA è richiesta d’Assi.

5 è stato spiegato su richiesta avversaria con “2 Assi e la Dama di atout”

5SA è richiesta di Re

Sull’attacco A di Ovest, Est scarta il 2 (evidente chiamata a fiori), Ovest non torna fiori perché dalla licita si evince che Sud possiede l’A. In realtà l’A è in possesso di Est!

6 contratto mantenuto.

Chiamato il direttore a causa dell’informazione sbagliata che ha indotto l’errore, il responso è stato che il 2 non chiama a fiori, ma rifiuta quadri e conferma il risultato.

Credo che tale giudizio arbitrale non sia corretto e dopo le mie rimostranze il Direttore ha assegnato 50%.

Qual è il Vostro perere?

Cordialmente,
Pina D. M.

Risposta di Carlo Galardini e Manolo Eminenti

Buongiorno Pina,
Includiamo il diagramma per maggior chiarezza:

Vi sono molti giocatori che oggi giocano la richiesta d’assi in modo diverso da quello originale. Ciò include il K di atout come quinto “asso” e, per non fare confusione con la Blackwood originale, questa convenzione si chiama “richiesta di carte chiave”. In questo schema di risposte, la dichiarazione di 5 promette 2 carte chiave e la Q di atout. Nel caso che lei racconta probabilmente Nord giocava la normale Blackwood mentre il suo compagno giocava la versione moderna. Oppure Nord, pur giocando la richiesta di carte chiave, ha contato male e dichiarato uno slam potenzialmente mancante di due assi. O perfino ha scommesso che una carta chiave mancante fosse il K di atout e che esso fosse in impasse.

In ogni caso Ovest ha diritto alla spiegazione del sistema e in assenza di una prova contraria (per esempio la convention card che dica che la coppia gioca la normale Blackwood, nel qual caso il risultato non può essere cambiato) l’arbitro deve supporre che la spiegazione ricevuta da Ovest sia errata e deve virtualmente fornirgli quella corretta, cioè che Sud può sia avere due assi che un solo asso e il K di atout. Avrebbe Ovest trovato il ritorno a fiori con questa spiegazione? Questo è un quesito da porre a giocatori dello stesso livello di Ovest, ma in questo caso sembra che la risposta sia un facile “sì”, visto che il potenziale K di atout sarebbe in impasse e il contratto non potrebbe essere battuto. Quindi il risultato deve essere cambiato.

Quanto scritto sopra è però subordinato al fatto che Ovest non conosca lui stesso la convenzione modificata. Se questo non è il caso, la spiegazione “due assi e la Q di atout” è sufficientemente strana da mettere un giocatore esperto in allarme. Questo concetto viene chiamato “autoprotezione” ed è tanto più richiesto ad un giocatore quanto più lui è esperto. Chiunque giochi la richiesta di carte chiave sa che “due assi e la Q di atout” significa due dei CINQUE assi. In tal caso l’arbitro deve confermare il risultato perché il giocatore non era stato erroneamente informato.

Saluti cari
Carlo e Manolo

The post Parere su intervento arbitrale first appeared on Bridge d’Italia Online.

Viale dei Gladiatori, 2 00135 Roma
Stadio Olimpico – Tribuna Tevere
Ingresso 30 – Stanza 217